GEMME | OLTRE LE NUVOLE

21 Maggio ore 18.00

“OLTRE LE NUVOLE” di Plasm(on) Dance Group

La rassegna Gemme giungerà al terzo evento domenica 21 maggio 2023 alle ore 18. La compagnia Plasm(on) Dance Group animerà il palco del teatro De Sica di Peschiera Borromeo con “Oltre le Nuvole”, spettacolo di danza a cura di Anna Rita Larghi.

Per scoprire di che cosa si tratta e come “Oltre le Nuvole” approda a Gemme, continua a leggere questo articolo!

COME NASCE “OLTRE LE NUVOLE” E COME APPRODA A GEMME?

“Oltre le nuvole” nasce dal desiderio di un giovane gruppo di ragazzi e ragazze, di condividere la propria visione dell’amore, della maternità e delle relazioni umane. l’esigenza di questi giovani era di far vivere le proprie storie in teatro e hanno trovato in Oltheatre un terreno fertile in cui farlo.

FAR CRESCERE TALENTI E CREATIVITÀ ATTRAVERSO LA DANZA: ESISTONO PASSAGGI IMPRESCINDIBILI DA COMPIERE?

Per i ragazzi, soprattutto durante l’adolescenza, è complesso condividere le proprie difficoltà e emozioni attraverso l’utilizzo della parola ed è qui che subentra il corpo. La danza dà la possibilità di comunicare non verbalmente e far entrare gli altri nella propria dimensione.

 I GIOVANI E LA LORO VOCE: COME SI ASCOLTA?

Crediamo spesso che i giovani vengano da noi per ricevere soluzioni, ma la verità è che hanno solo l’esigenza di essere guardati con occhi non giudicanti e che non sminuiscano il loro problema, qualunque esso sia. Il nostro e il loro linguaggio sono differenti, quindi per comprenderli e poterli aiutare a stare meglio, dobbiamo abbandonare i nostri pregiudizi, rimanere in silenzio e assicurarci di non solo sentirli, ma soprattutto ascoltarli.

IN QUALE MODO CONDIVIDI LE IDEE CREATIVE E COSTRUISCI IL PERCORSO ARTISTICO CON IL GIOVANE GRUPPO DI LAVORO?

Durante la fase creativa, sono i ballerini a costruire il percorso drammaturgico e fisico. Comprendono che insieme è più efficace che da soli e collaborando danno origine a relazioni che uniscono le loro volontà comunicative. L’improvvisazione è ricorrente nei nostri incontri e sul palco, per lasciare all’emotività di ognuno la libertà di essere messa in evidenza. Spesso ci sediamo in cerchio chiedendoci: “nella prossima coreografia, cosa vogliamo dire?” e da lì inizia la magia. 

QUANTO SPAZIO C’È PER LA LORO LIBERA ESPRESSIONE?

Moltissimo. Il ruolo dell’insegnante è anche quello di educatrice e per fare questo è necessario imparare a vedere il mondo attraverso i loro occhi.