Il Futuro nella storia al Cinema | RITA LEVI-MONTALCINI

Venerdì 18 marzo

Rita Levi-Montalcini 
Il biglietto include l’accesso alla sala teatrale, 1 drink (bibita/birra), proiezione cinematografica e talk show
DURATA90 minuti 
APERTURA PORTICATO PER APERITIVO19:30 
INIZIO PROIEZIONE20:30

a seguire talk show #Nientediserio

Ospiti di eccezione Antonino Cattaneo, allievo e collaboratore della ricercatrice, oggi presidente della Fondazione Ebri European Brain research Rita Levi-Montalcini ed Elena Albano, medico fisiatra e coreografa esperta in tecnica di danza Graham e Chiara Testini, ricercatrice in diretta da Stoccolma.

A moderare l’incontro e l’interazione col pubblico il duo Niente di Serio, Letizia Iosa e Camilla Ferrario, già volti delle interviste Instagram di Oltheatre.

La videopiece teatrale fa parte della rassegna realizzata per Fastweb nel 2021 dedicata a cinque grandi personalità che hanno cambiato l’Italia grazie alle proprie intuizioni e ingegno. Lo spettacolo è stato studiato registicamente per valorizzare il linguaggio teatrale attraverso i movimenti della videocamera e lo studio di regia, rendendolo una creazione artistica dal linguaggio ibrido e sperimentale.

RITA LEVI-MONTALCINI

La prima e unica scienziata italiana premio Nobel, una libera pensatrice che ha saputo lottare in un mondo di uomini e prendersi i propri meriti, senza mai una parola di rivalsa o di cattiveria ma con la forza gentile di un “pettirosso da combattimento”. Per la realizzazione dello spettacolo sono stati recuperati diversi carteggi della scienziata da cui sono emersi pensieri, stati d’animo e riflessioni che hanno richiesto un lavoro registico complesso per essere valorizzati. Da qui la scelta di accompagnare sul palco l’attore Davide Verazzani con la danzatrice Stefania Coloru della compagnia Aconcoli Dance di Elena Albano, che ha portato in scena un assaggio della rara tecnica di danza Graham.

PROSSIMI EVENTI

Venerdì 8 aprile

Enrico Piaggio

Venerdì 6 maggio

Enrico Mattei

Venerdì 3 giugno

Francesco Moser

Venerdì 1 luglio

Nilde Iotti